IL SOTTOTONO DELLA PELLE, questo sconosciuto!

Ciao a tutti!

Chiacchierando con le mie amiche mi sono resa conto che poteva essere utile un post su un argomento che vi sembrerà banale ma che davvero fa la differenza nella scelta del look in generale: IL TONO E SOTTOTONO della pelle!

Quando si sente parlare di sottotono, solitamente si pensa al makeup, ed in particolare al fondotinta! Le case cosmetiche dividono, infatti, i prodotti per la base (fondotinta, correttori, polveri etc…) in due categorie: quelli per pelli rosate e quelli per pelli olivastre.

Teoricamente se ci si affida ad una brava commessa, questa dovrebbe essere in grado di riconoscere il sottotono giusto per ogni tipologia di pelle! Ma vogliamo davvero farci cogliere impreparate e rischiare di farci vendere un fondotinta rosato quando la nostra pelle non lo è minimamente?? No!

E conoscere il proprio sottotono è rilevante solo per la scelta del fondotinta giusto? Vediamo un po’…

Inizio con spiegarvi la differenza fra TONO e SOTTOTONO, e per farlo al meglio ho persino rispolverato il libro dell’accademia di makeup!

SKIN TONE – TONO DELLA PELLE, che noi potremmo tradurre in italiano con il termine CARNAGIONE: è il colore della pelle, così come lo vediamo, ovvero il suo aspetto. Per definire un tono di pelle, lo si colloca nella scala del chiaroscuro, ad esempio ci si sente dire “che carnagione chiara hai!”,o viceversa “che carnagione scura/abbronzata hai!!” .

Il tono della pelle può cambiare nel corso di un anno, soprattutto grazie alla tintarella presa al durante le vacanze od anche alle famosissime “Lampados” (piccole isole in città che garantiscono un’abbronzatura impeccabile anche nel mese di dicembre).

Passiamo ora alla definizione di SKIN UNDERTONE –  SOTTOTONO DELLA PELLE: come dice la parola stessa, è il colore che sta sotto, ovvero il colore intrinseco della nostra pelle e può essere caldo (olivastro), freddo (rosato), oppure anche neutro.

Il sottotono della pelle può essere più o meno evidente e riconoscerlo non è sempre semplicissimo; vi assicuro, però, che individuarlo ci può aiutare a valorizzarci al meglio!!

Avete mai fatto caso che, talvolta, senza prestare alcuna cura particolare a noi stessi, capita di sentirsi dire : “come sei radiosa oggi”. Al contrario, succede che dopo ore di trucco e parrucco qualcuno ci domandi “ti senti bene? Ti vedo un po’ sbattuta”. La scelta di un capo d’abbigliamento, degli accessori o del makeup  giusti influenza notevolmente il nostro aspetto, in positivo od in negativo!

Le persone con il sottotono FREDDO, valorizzeranno al meglio il proprio incarnato vestendo colori tendenzialmente  freddi (una ragazza bionda con la carnagione rosea starà benissimo con un vestitino azzurro); viceversa le ragazze con la pelle olivastra risulteranno raggianti indossando l’oro ed i colori della terra… Pensate a Penelope Cruz con un vestito rosso: CIAONE!!

Ora che vi ho svelato questo piccolo segreto di bellezza, vi illustrerò anche tre semplici metodi che possono aiutarvi ad individuare il vostro!

PRIMO METODO: OSSERVARE LE VENE DEL BRACCIO

Posizionadovi di fronte ad una finestra luminosa, approfittando della luce del giorno (no luce artificiale e no luce del sole diretta), osservate le vene del vostro braccio!

Se definireste le vostre vene BLUASTRE o VIOLACEE, il vostro sottotono sarà probabilmente FREDDO, rosato.

Se, invece, le  vostre vene vi appaio VERDOGNOLE, significa che il vostro sottotono è caldo, olivastro.

 

SECONDO METODO: PARAGONARSI AD UN FOGLIO BIANCO

Può sembrare un po’ strambo, ma fidatevi funziona; posizionatevi davanti alla finestra di cui parlavamo poc’anzi e avvicinate un foglio bianco al vostro collo scoperto e libero da collane e capelli (mi raccomando osservate il collo e non il viso, perché i rossori di quest’ultimo possono trarci in inganno).

Se, comparata al foglio bianco, la pelle del collo tenderà al rosa, probabilmente avete un sottotono rosato!

Se, invece, il vostro collo avrà un aspetto giallino, significa che il sottotono della vostra pelle è caldo!

 

TERZO METODO: GIOIELLI IN ORO O GIOIELLI IN ARGENTO?

Avete presente la nostra amata finestra? Bene. Armatevi di due gioielli di, più o meno, pari dimensioni, uno in oro ed uno in argento! Illuminate dalla luce del giorno, quale metallo trovate vi stia meglio?

Le carnagioni rosate, fredde, per la gioia dei mariti e fidanzati, vengono meglio risaltate dai gioielli in argento.

Le pelli calde, olivastre, vengono al contrario, maggiormente risaltate dall’oro (ed i poveri mariti e fidanzati se ne devono fare una ragione!!).

Allora? Se può esservi utile, ma non fuorviante, sappiate che la maggior parte delle donne italiane ha un sottotono caldo!!

Se, però, con nessuna di queste tre prove sarete riuscite a darvi una risposta certa, o se i tre esperimenti hanno dato risultati differenti tra di loro, significa probabilmente che rientrate nella categoria di quelle fortunate davvero: avete, cioè, un sottotono neutro e la morale è… che vi sta bene tutto!!!!! Fortunelle!!

Vi do un ultimo consiglio, in conclusione: frugate nel vostro armadio e fate le prove, osservandovi! Troverete sicuramente da sole la risposta alla domanda: “mi stanno meglio i colori caldi, o quelli freddi?”.

Aspettate, aspettate, aspettate! Un ultimo chiarimento: anche uno stesso colore ha svariatisssssime sfumature!!! Quindi una ragazza mediterranea può apparire raggiante anche con un abitino verde, ma probabilmente un verde caldo le donerà molto di più di un verde freddo!!!

 

Giocate e sperimentate!

Spero, come sempre, di avervi tenuto compagnia e di avervi raccontato cosine interessanti!

A presto

Un abbraccio

Very

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *